Mangiare sano per combattere i problemi gastrointestinali

 I problemi all’apparato gastrointestinale sono davvero molti e spesso si fatica a distinguere i vari sintomi.

Per capire come affrontare il singolo malessere in caso di dolori riconducibili a problematiche del sistema digerente, è necessario conoscere qualche piccolo accorgimento.

Partiamo da un organo fondamentale per molti aspetti, oltre a quelli legati alla digestione e alla depurazione, ovvero l’intestino: la flora batterica presente al suo interno è molto importante per combattere tumori, malattie della pelle e disturbi intestinali, ma è spesso in equilibrio precario a causa di molti fattori che possono compromettere la nostra salute, come un’alimentazione squilibrata – ricca di tossine e povera di fibre – e l’assunzione di farmaci come lassativi, antibiotici e tranquillanti, che causano la comparsa di batteri nocivi.

Per disintossicare l’intestino e ridare equilibrio alla flora batterica è utile eliminare o almeno ridurre per qualche giorno:
- il cibo di origine animale, in quanto ha bisogno di un lasso di tempo maggiore per essere digerito e comporta, così, un flusso maggiore di sangue che facilita processi infiammatori
- i cibi raffinati, come la farina 00, il pane e la pasta bianchi e le merendine che contengono glutine
- l’alcool e il fumo
- assumere alimenti come frutta, verdura, prodotti di soia fermentati (miso, tempeh, yogurt di soia), legumi, miglio, amaranto e grano saraceno.

Anche il colon è fondamentale per la nostra salute, ma molto spesso è soggetto a un problema molto comune soprattutto tra la popolazione femminile: la sindrome del colon irritabile (IBS). Questo disturbo si manifesta con spasmi, crampi muscolari, dolori addominali, costipazione, nausea e diarrea e tra le sue cause si segnalano lo stress, l’alimentazione scorretta e livelli anomali di serotonina.
Per contrastare la sindrome del colon irritabile è stata studiata una dieta chiamata FODMAP – acronimo di Fermentable Oligossaccharides Disaccharides Monoaccharides And Polyols -, un regime alimentare che prevede il consumo di verdura preferibilmente cotta, evitando broccoli, cavoli e cavolfiori, il divieto di assumere latticini, la riduzione o eliminazione di glutine, alcool, cioccolato, caffè e tè e infine l’assunzione di alimenti quali cereali integrali e senza glutine, latte di origine vegetale , banane, frutti di bosco e olive.

V.G.

 

 

Condividi su Facebook