Il Festival dei Patii in fiore a Cordova in Andalusia

A maggio Cordova, in Andalusia apre le porte dei patii del centro storico rivestiti da decorazioni floreali per la sua tradizionale "Fiesta", tra colori, profumi e ritmi flamenchi che animano le vie e i quartieri del centro storico.

 

 

È il Festival dei Patii in fiore, uno dei momenti migliori per programmare un viaggio a Cordova, per scoprire una città festosa, dove si vive per strada a ritmo di flamenco e respirando nell’aria il profumo inebriante di gelsomini e zagare in fiore.

Situata in un’ansa sinuosa del fiume Guadalquivir, Cordova è una città di grande bellezza, incastonata nel cuore dell’Andalusia. Città millenaria, dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità, è un’eredità vivente delle diverse culture che si susseguirono nel corso della sua storia.

A Cordova ci si immerge nel periodo d’oro dell’Islam, ai tempi dei Mori, soprattutto se si visita la famosa Mezquita, la Grande Moschea, una delle più importanti testimonianze architettoniche della dominazione islamica in Spagna. Cordova, infatti, era la capitale prima dell’Hispania Citeriore durante l’Impero romano e dopo del Califfato degli Omayyadi: centro di cultura e di studi, diede i natali ad alcuni dei più grandi uomini della storia mondiale come Seneca, Averroè e Maimonide.

 

 

 

Da vedere a Cordova è il centro storico, un intrico di vicoli medievali interrotti da famosi patios, dove il tempo sembra essersi fermato. Non dopo il tramonto, però, quando Cordova si trasforma in una delle più movimentate città dell’Andalusia, con i suoi locali sempre affollati e i ristoranti che offrono i famosi piatti locali tra i quali il salmorejo, un gazpacho speciale, a cui vengono aggiunti prosciutto, coniglio e uova fritte.
Iscritta dal 2012 nell'elenco del Patrimonio Immateriale dell'Umanità dall'Unesco, la Festa dei Cortili di Cordova è un’occasione imperdibile, molto sentita in città.

Per due settimane, le case aprono le porte dei cortili e invitano a visitare questi piccoli angoli in fiore, dove gerani, gelsomini, garofani e zagare decorano le pareti bianche degli interni. I cortili del centro storico si trasformano inoltre in spazi per accogliere spettacoli di flamenco e gustare le saporite tapas di Cordova insieme a un calice di vino Montilla-Moriles. I Cortili di Cordova rappresentano una tradizione viva, che trae origine dall'epoca romana, proseguendo durante la dominazione araba, per giungere fino ai nostri giorni.

 

 

 

I quartieri più famosi per la bellezza dei cortili segreti sono quello dell'Alcázar Viejo, tra l'Alcázar e la parrocchia di San Basilio, quello di Santa Marina, quello della Magdalena e, nel quartiere ebraico, la zona della Moschea-Cattedrale.
La Festa dei Cortili di Cordova si conclude con la premiazione del patio più bello.

Oltre al Festival dei Cortili, Cordova celebra altre feste a maggio, facendone il mese perfetto per visitare la città. Prima del concorso dei cortili si svolge la popolare festa delle Croci di Maggio (che veste le strade della città di croci fatte di fiori), quindi il Concorso di Balconi e Grate, che si celebra insieme al Festival dei Cortili e ricolma la maggior parte delle strade di decorazioni floreali, e, infine, il mese si conclude con la celebrazione della Fiera di Cordova, che riempie l'area fieristica e i dintorni di calessi tirati da cavalli, abiti flamenchi tipici, musica di Sevillanas e vino.

 

 

 

Condividi su Facebook