Dieci cose da fare a Utrecht

Cosa fare e cosa vedere a Utrecht durante un weeken di autunno?

 

250mila abitanti di cui il 54% con un’età media tra i 15 e i 44 anni, un centro storico perfetto da scoprire a piedi o in bicicletta, un reticolo di romantici canali che la fanno sembrare una piccola Amsterdam: Utrecht, in Olanda, è una meta perfetta per un city break.

 

 

Città universitaria dalla vivace vita culturale, Utrecht si sviluppa intorno alla Torre del Duomo, visibile da ogni angolo della città. A Utrecht non si contano i caffè e i locali dove assaporare il ritmo slow di questo angolo di Paesi Bassi, famoso anche per i suoi musei.
Ecco le dieci cose da fare a Utrecht secondo noi di Viviconstile.

 

1 – La Torre del Duomo

A Utrecht non può mancare una visita alla Torre del Duomo, il campanile più alto e antico di tutta l'Olanda, costruita tra il 1321 e il 1382 e alta 112 metri. Anche nei punti in cui non si riesce a vederla si sentirà sicuramente una delle sue 13 campane, che vanno da 400 kg fino a quasi 9 tonnellate di peso.
La Torre del Duomo è aperta al pubblico e offre una vista spettacolare di Utrecht e dell'area circostante: ma prima di godere della bellezza del panorama bisogna salire ben 465 gradini! In una giornata limpida, dalla cima della Torre si ammirano le guglie delle chiese di Amersfoort, Rhenen, Montfoort, Oudewater, Woerden e persino di Amsterdam.
La Torre del Duomo fu separata dalla cattedrale dopo che la chiesa venne colpita da un tornado nel 1647. Bellissimo il cortile del monastero interno della chiesa Dom, la cattedrale di Utrecht: realizzato nel quindicesimo secolo, è uno dei più bei esemplari di cortili interni di tutta l’Olanda e conserva 140 specie di piante e arbusti rari.

 

2 – Scoprire Utrecht dall’acqua: una mini crociera sui canali

 

Esplorare Utrecht dall’acqua per scoprire la città da un punto di vista completamente diverso è un’esperienza da mettere in programma, tra le dieci cose da fare a Utrech. Si può scegliere tra una crociera completa o una spedizione in pedalò, barca a remi o canoa alla scoperta dei canali. Rederij Schuttevaer e Rederij de Ster organizzano entrambe crociere e gite in barca sui canali di Utrecht, con tour speciali che alla scoperta dei birrifici specializzati in steam beer di Stadskasteel Oudaen (città-castello di Oudaen), con spettacolo teatrale a bordo e visita a due musei della città e persino con pranzo a base di cupbake durante la navigazione.
Una gita in barca lungo i canali può essere particolarmente romantica in primavera, quando il cerfoglio selvatico è in piena fioritura e in autunno, quando gli alberi secolari che costeggiano i canali si ammantano di mille colori e la città assume un’aria affascinante e malinconica.

 

3 – La pista ciclabile più antica d’Olanda

Forse non tutti sanno che a Utrecht si trova la pista ciclabile più antica d’Olanda: nel settembre del 1885, infatti, la strada pedonale sulla Maliebaan di Utrecht fu aperta al transito delle biciclette ogni domenica pomeriggio, diventando successivamente una vera e propria pista ciclabile
Dallo scorso agosto a Utrecht è stata aperta la prima fermata per un passaggio in bicicletta, con apposito cartello. Basta sollevare il pollice ed attendere che un ciclista offra un passaggio. Se in un primo momento il comune di Utrecht ha fatto rimuovere il cartello perché installato senza autorizzazione, se ne sta ora considerando l’introduzione ufficiale anche in altri punti della città. E in città scorre, pericolosissima se non si è super attenti e veloci, la ciclabile più trafficata del mondo, una vera autostrada da 30mila ciclisti urbani al giorno che ricongiunge a Est, l’Università, il Research Centre e l’Ospedale con la zona residenziale giovane di Leidscherijn, a Ovest.
In bici si percorrono facilmente i 3 km di lunghezza del centro storico, le mura di un tempo sostituite da un fossato e, quando ci si stanca non mancano i parcheggi dove lasciare in sicurezza la nostra bici. Come il nuovissimo parcheggio, il più grande del mondo, inaugurato a pochi metri dall’ingresso principale della stazione che può ospitare fino a 12.500 bici su più piani.

 

4 – Shopping a Utrecht

 

In poche parole: fare shopping a Utrecht è semplicemente fantastico. Lungo i canali e nel centro pedonale si trovano negozi e le boutique più disparati e le distanze sono a misura d’uomo, così che è possibile spostarsi anche a piedi.
Utrecht è una meta interessante se siete in cerca di shopping d’arte e design: in città infatti si trovano splendide boutique di design, esposizioni straordinarie e antiquariato di lusso. Tra gli indirizzi di stile, segnatevi la Grachten Galerie (Oudegracht 185): questa galleria, le cui esposizioni cambiano spesso, si trova in uno dei luoghi più belli, lungo il canale Oudegracht al di sopra delle antiche cantine che costeggiano le banchine.
Atelier de Loeff (Loeff Berchmakerstraat 12), invece, è un laboratorio unico nel suo genere, visto che gli artisti che vi lavorano hanno una disabilità mentale. Al suo interno si realizzano meravigliosi oggetti d'arte e candele utilizzando, tra l'altro, la cartapesta. Merita sicuramente una visita.
Quintessens (Nieuwegracht 53) è una galleria specializzata in arte moderna, soprattutto di artisti olandesi, belgi e francesi del XX secolo. Una tappa imperdibile per gli amanti della pittura, della fotografia e della scultura.
Imperdibili anche i mercati di Utrecht, vera e propria istituzione cittadina. A Utrecht c'è un mercato per ogni giorno della settimana, solo il centro città ne ospita tre, tutti molto grandi: il Lapjesmarkt (mercato dei tessuti), il Bloemenmarkt (mercato dei fiori) e il grande e vario mercato di Vredenburg.
Il Lapjesmarkt di Utrecht è il mercato dei tessuti più grande e più antico di tutta l'Olanda, che si tiene da oltre 400 anni ogni sabato, tra le 8.00 e le 13.00, sulla Breedstraat.
Classico appuntamento in Olanda il mercato dei fiori di Utrecht, Bloemenmarkt, che si tiene in due località: il sabato tra le 7.00 e le 17.00 il Janskerkhof si trasforma nel mercato di fiori e piante più grande della città, mentre nelle stesse ore sull'Oudegracht si danno appuntamento una dozzina di banchi che vendono soprattutto fiori recisi e bouquet..
Al mercato di Vredenburg si acquistano carne, pesce, frutta, verdura, pane, cinture, accessori ed elettronica e ci si può fermare per mangiare un panino con le aringhe, un waffle con sciroppo appena sfornato oppure un po' di liquirizia danese. Si tiene il mercoledì, il venerdì e il sabato e conta tre le 75 e le 125 bancarelle, il sabato è il giorno più affollato.

 

5 – DOMUnder, nei sotterranei di Utrecht
Oltre alla torre e al chiostro medioevale, la piazza centrale di Utrecht, piazza Domplein, custodisce un segreto… sottoterra! Ha da poco aperto i battenti DOMUnder, nuova attrazione cittadina che permette di scoprire 2.000 anni di storia olandese a cinque metri di profondità. Torcia alla mano, vi divertirete tuffandovi nell’epoca in cui i Romani edificarono il famoso forte Castellum Trajectum intorno al 45 d.C., vi immergerete nelle cupe atmosfere medievali e vi spaventerete un po’ di fronte alla furia dell’uragano che nel 1674 che distrusse in parte la navata della cattedrale. 75 minuti, tra filmati e ricostruzioni che non si dimenticano facilmente.

 

6 – Museo Speelklok

Il Museo Speelklok di Utrecht è senza alcun dubbio il museo più musicale del mondo. La collezione include orologi con carillon, scatole musicali, orologi musicali, pianole, l'usignolo canterino, strumenti musicali meccanici tra cui il famoso Violina - un violino meccanico - e organi da strada, da fiera e da ballo.
I tour del Museo Speelklok, organizzati ogni ora, guidano alla scoperta di una stupefacente collezione di strumenti. Il repertorio musicale spazia da valzer viennesi, a tanghi, a canzoni strappa lacrime, fino alle ultime hit. La sorpresa più bella? Tutti i visitatori possono sentirsi liberi di cantare e ballare insieme alla guida!

 

7 – Oude Hortus, l’Orto Botanico di Utecht

 

Nascosto nel cuore della città, l’Oude Hortus, l’Orto Botanico di Utecht si trova sulla Lange Nieuwstraat fin dal 1723. Ristrutturato negli anni settanta dello scorso secolo è un incantevole esempio di museo-giardino: la scienza medica e la botanica giocarono infatti un ruolo importante nell'impostazione della collezione di piante.
L'Oude Hortus di Utrecht è articolato in due giardini: il giardino Regio e il giardino Cottage. Il primo si ispira all'Hortus Medicus, un tipico giardino di Utrecht del XVII secolo e conserva erbe medicinali che servivano (e servono tutt’oggi) soprattutto a scopo educativo per gli studenti di medicina.
Il secondo, invece, è un giardino alpino, caratterizzato da muri bassi, scalette, stagni e conifere nane.
Le serre dell'Oude Hortus sono le serre universitarie più antiche ancora esistenti d'Olanda.

 

8 – Centraal Museum Utrecht e la casa di Miffy

 

Nel centro della città come dice il nome stesso, il Centraal Museum di Utrecht raccoglie un’interessante collezione di arte moderne e contemporanea olandese ma è famoso soprattutto perché al suo interno conserva una vasta documentazione relativa alle opere di Dick Bruna, il creatore della conglietta Miffy, il personaggio nato nel 1955 e diventato un’icona dello stile e del design olandese.
In città si trova anche La Casa di Dick Bruna (Dick Bruna Huis) museo completamente dedicato alla coniglietta Miffy. Dick Bruna ha al suo attivo 120 libri illustrati, oltre a migliaia di copertine, poster, cartoline e stampe; le storie delle quali è protagonista la coniglietta sono state tradotte in 40 lingue e vendute in oltre 85 milioni di copie in tutto il mondo.

 

9 – I Cafè di Utrecht

 

Utrecht è la città dei cafè: lungo i canali pullulano i locali dove darsi un appuntamento per un break pomeridiano o per una birra dopo il lavoro e lo studio. Tra i locali più famosi di Utrecht c’è senza dubbio il Café Olivier una tipica birreria belga ospitata, però, all’interno di una chiesa sconsacrata, organo compreso!
In cerca di atmosfere cool, organizzate una serata da Filemon & Baucis, locale raffinato con interni sobri e moderni, molto accogliente. Nei fine settimana il DJ diffonde solitamente vecchia musica disco e musica soulful house.
Se vi muovete in bici, a Utrecht non mancano i bike cafè, come Republic Dutch su Oudegracht: ci si ferma per una pausa e si rischia di uscire in sella a una splendida bicicletta sartoriale.

 

10 – Dove dormire a Utrecht

 

Nel centro della città, a soli alcuni metri dalla cattedrale, Hotel Dom è un boutique hotel ospitato in un edificio storico monumentale del XVIII secolo all’interno del quale l'arte e l'eleganza della storia si fondono alla perfezione un design moderno e frizzante. In tutto solo 11 suite, alcune con terrazzo privato, tutte con servizio tailor made. Al pian terreno si trova un ottimo ristorante, che offre cucina gourmet, con un grande bancone dove sedersi per degustare uno dei vini della fornitissima cantina.

 

 

Condividi su Facebook