Cyndi Lauper, all'Arena Civica di Milano una splendida ragazza di 58 anni

Vestita di pelle nera, riconoscibilissima, i capelli biondo platino raccolti in un’acconciatura finto-disordinata, la stessa faccia tondetta di sempre e le sopracciglia arcuate, Cyndi Lauper si è esibita il 13 luglio 2011, all'Arena Civica durante il Milano Jazzin’ Festival, nell’attesissima data milanese del tour europeo.

Prossime tappe saranno Vienna, il 15 luglio; Amburgo, 18 luglio; Berlino, 19 luglio; Cartagena (Spagna), 22 luglio; e ancora in Spagna, a Sant Feliu de Guixols, il 23 luglio.

Durante il concerto l’icona pop degli anni Ottanta ha cantato le sue hit di maggiore successo,

Girls Just Want To Have Fun, Time After Time, True Colors, All Through The Night, e ha presentato il suo ultimo album, Memphis Blues, una raccolta di cover con partecipazioni illustri del mondo del blues, come B.B. King, Honny Lang, Allen Toussaint e Ann Peebles.

Con Memphis Blues l’artista americana ancora una volta mostra ai suoi fan un nuovo volto, e reinventa se stessa dando la sua impronta unica a un genere musicale tra i più conosciuti e amati.

 

Cyndi Lauper è cresciuta, ma è la stessa grintosa ragazza che difendeva le donne cantando a squarciagola che le ragazze, dopo tutto, si vogliono solo divertire.

“Papà mi chiede urlando quando combinerò qualcosa nella vita, ma (…) oh, le ragazze si vogliono solo divertire… Alcuni ragazzi si prendono una bella ragazza per tenerla nascosta al resto del mondo, ma io voglio vivere alla luce del sole” (Girls Just Want To Have Fun, 1983)

 

La carriera artistica di Cyndi Lauper, madre di origine siciliana e padre tedesco, inizia nel 1978 come voce dei Blue Angel.

Ma la band ben presto si scioglie e Cyndi deve fronteggiare le difficoltà economiche lavorando come commessa, pur senza abbandonare i suoi sogni legati alla musica.

È così che nel 1981 viene scoperta da David Wolff, che diventa suo manager e le procura un contratto discografico con la Portrait Records, una sottoetichetta della Columbia Records.

 

Con il suo primo album She’s So Unusual, Cyndi vince un Grammy Award come migliore artista esordiente e diventa la prima artista donna della storia ad avere 5 single nella top-ten con un album di debutto.

Il suo look anticonformista ispirato al punk rock delle origini non passa inosservato, ma è per la voce potente e melodica, graffiante e pulita, unitamente alla sua personalità gentile e trasgressiva al tempo stesso, che Cyndi Lauper diventa una star internazionale.

 

Nel 1984 la Lauper ottiene il premio per il Best Female Video (Miglior Video di Artista Femminile) agli Mtv Music Awards.

 

Nel 1985, è presente con un cameo nel film I Goonies e partecipa al progetto di beneficenza USA for Africa cantando We are the World in gruppo con altri artisti.

 

Il secondo album, True Colors, del 1986, rivela un sound più  maturo e una maggiore sensibilità sociale e vocale, ed è un nuovo grande successo.

Negli anni Novanta, però, la scelta di voler rimanere fuori dal mondo delle classifiche crea difficoltà con la sua casa discografica, che per anni non è riuscita a gestire una promozione esaustiva dei suoi album.

 

Nel frattempo Cyndi, oltre a continuare  a fare la cantante, è diventata musicista, attrice e scrittrice.

Ha partecipato a diverse serie televisive, di cui Innamorati pazzi le ha valso un Emmy.

Ha debuttato a Broadway, nel rifacimento dell’Opera da tre soldi di Bertolt Brecht.

 

Compone musica e suona la chitarra da quando aveva 12 anni, si batte per i diritti dei gay e delle lesbiche, ha avuto un figlio a 45 anni, sta scrivendo la sua autobiografia.

Ha costruito una solida carriera e venduto più di 30 milioni di dischi nel mondo.

 

Niente male, per una che si voleva solo divertire.

 

Il sito ufficiale di Cyndi Lauper è www.cyndilauper.com

Il suo video più famoso è uno dei preferiti del nostro canale YouTube

 

 

Condividi su Facebook